Guerra Ucraina-Russia: Vettel non correrà in Russia

Guerra Ucraina-Russia
Crediti foto: Aston Martin Cognizant Formula 1 Team Media Portal

Guerra Ucraina-Russia: Sebastian Vettel, pilota Aston Martin, ha esposto il suo pensiero sul Gran Premio di Russia dichiarando che non vuole correre e neanche la F1 dovrebbe farlo.

Oggi la Formula 1 ha dichiarato che sta monitorando la situazione della Russia a seguito dell’invasione militare in Ucraina, dopo mesi e mesi di tensioni.

LEGGI ANCHE: Alfa Romeo F1 in pista con una livrea speciale nei test 2022

Sebastian Vettel sempre molto attento a queste cose ha dichiarato nella conferenza stampa odierna di essere rimasto scioccato da quello che è successo e pensa che sia sbagliato correre in quel paese.

“Ovviamente stamattina sono rimasto scioccato dopo le notizie che ho sentito. Penso che sia orribile quello che sta succedendo, ovviamente se si guarda il calendario noi abbiamo una gara in programma in Russia. Per quanto mi riguarda, non dovrei andare, non andrò. Penso che sia sbagliato correre lì”, afferma il quattro volte campione del mondo.

“Mi dispiace per le persone, per quelle persone innocenti che stanno perdendo la vita perché vengono uccise per motivi stupidi sotto una leadership molto strana e folle. Sono sicuro che è qualcosa di cui parleremo, ma come detto in qualità di GPDA, non abbiamo ancora parlato. Questa è la mia decisione presa”, conclude così Vettel.

LEGGI ANCHE: Test pre-stagionali F1 2022, Spagna (Giorno 1)

Anche diversi piloti hanno parlato della situazione con Verstappen che ha detto: “Quando un paese è in guerra, non è giusto correre lì”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Guerra Ucraina-Russia, la Haas toglie il nome Uralkali dai social

Gio Feb 24 , 2022
TweetSharePin La Guerra tra Ucraina e la Russia sta colpendo anche lo sport e la Haas ha voluto togliere il nome Uralkali, sponsor russo, dai social. Oggi la Formula 1 ha dichiarato che sta monitorando la situazione della Russia a seguito dell’invasione militare in Ucraina, dopo mesi e mesi di […]