Verstappen e Perez, il comunicato Red Bull spiega tutto

Verstappen e Perez
Crediti foto: Bryn Lennon/Getty Images/Red Bull Content Pool

Verstappen e Perez: Il Gp del Brasile ha visto qualche screzio tra i due compagni di squadra della Red Bull, con l’olandese che non ha voluto far passare Perez dopo l’ordine di scuderia ricevuto.

Ci troviamo a fine corsa del Gp del Brasile 2022 dove Max Verstappen passa Sergio Perez per andare a sorpassare Fernando Alonso, ma se non ci fosse riuscito avrebbe dovuto far passare il suo compagno di squadra, Max non ha passato Alonso e non ha nemmeno ceduto la posizione.

Questi i team radio a fine corsa di Max:

Ingegnere: “Max, che è successo?”

Verstappen: “Ne abbiamo già parlato di non chiedermi questo. Lo avete capito? Ho già dato le mie ragioni e ci rimango.”

Team Radio di Perez:

Checo: “Sì, grazie per questo ragazzi, grazie. Ha mostrato chi è realmente”

Ingegnere: “Non so cosa dirti”

LEGGI ANCHE: Nuova livrea McLaren per Abu Dhabi, finale di F1 con stile

Questo il comunicato Red Bull che chiarisce tutto:

“Il team ha commesso degli errori in Brasile. Non avevamo previsto la situazione che si è verificata all’ultimo giro e non avevamo concordato una strategia per un simile scenario prima della gara. Purtroppo Max è stato informato solo all’ultima curva della richiesta di cedere la posizione senza che gli fossero trasmesse tutte le informazioni necessarie.

“Questo ha messo Max, che è sempre stato un giocatore di squadra aperto e leale, in una situazione difficile con poco tempo per reagire, cosa che non era nelle nostre intenzioni. Dopo il gran premio Verstappen ha parlato apertamente e onestamente, permettendo a entrambi i piloti di risolvere problemi o tensioni in sospeso. Il team accetta le ragioni di Max, la conversazione è stata una questione personale che rimarrà un fatto privato e non ci saranno ulteriori commenti.

“Le cose che sono accadute successivamente sui social media sono del tutto inaccettabili. Il comportamento offensivo nei confronti di Max, Checo, del team e delle rispettive famiglie è scioccante e triste – prosegue il comunicato Red Bull – ed è qualcosa che noi come sport dobbiamo affrontare con regolarità deprimente.

“Non c’è posto per questo nelle corse o nella società nel suo complesso e dobbiamo migliorare questa situazione. Questo è uno sport, siamo qui per correre. Le minacce di morte, le lettere d’odio, il veleno verso i membri di una famiglia sono deplorevoli. Diamo valore all’inclusione e vogliamo un posto sicuro in cui tutti possano lavorare e godere del nostro sport. Basta agli abusi.”

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Vettel Gp Abu Dhabi: "Sono consapevole di quello che sta accadendo".

Gio Nov 17 , 2022
TweetSharePin Vettel Gp Abu Dhabi: Il tedesco Sebastian Vettel si prepara a correre per l’ultima volta in F1, ecco le sue parole. Sebastian Vettel, quattro volte campione del mondo, è pronto a ritirarsi e porre fine alla sua carriera di Formula 1. Il campione tedesco in conferenza stampa ha parlato […]
Vettel Gp Abu Dhabi: "Sono consapevole di quello che sta accadendo".