Leclerc: “Non farò cambiamenti significativi”

Leclerc: "Non farò cambiamenti significativi"
Crediti foto: Scuderia Ferrari

Charles Leclerc ha avuto una prima parte di stagione estremamente difficile con molti alti e bassi, ma non si arrende, crede ancora nel mondiale.

Charles Leclerc, primo pilota Ferrari, ha raccolto pochi punti rispetto a quelli che poteva realmente raccogliere.

Questo per diversi fattori, sono solo due gli errori provocati da lui che gli hanno fatto perdere 32 punti, ma molti più punti sono stati provocati da una scuderia non all’altezza.

Basti pensare ai due ritiri causati da una vettura non affidabile che gli sono costati ben 50 punti, per non parlare delle strategie che non l’hanno visto vincere ne Monaco e ne Silverstone, e l’ha fatto terminare solo sesto in Ungheria dove poteva chiudere almeno secondo.

E così, ora il gap fra il leader del mondiale e lui sono ben 80. Sono tanti punti, ma Charles Leclerc ci crede ancora sino a che la matematica non lo taglierà fuori dalla lotta mondiale.

LEGGI ANCHE: Grand Slam in F1 – Ecco cosa significa

Charles Leclerc in una lunga intervista al Podcast della BBC:

“È stata una prima parte di stagione dove le emozioni hanno avuto momenti estremamente alti e altrettanto bassi. In pratica non ci sono state gare senza emozioni o senza problemi. Sono successe tante cose in questa prima parte di campionato.

“Dopo gli ultimi due anni è fantastico essere tornati a lottare per le vittorie, ma non siamo stati in grado di massimizzare il nostro potenziale e questo non è stato grandioso. Nella seconda parte spingeremo al massimo, ma le ultime due gare sono state piuttosto difficili.

“Credo ancora al campionato, voglio crederci sino a che la matematica non mi taglierà fuori, questo mi aiuterà a mantenere la motivazione. Credo che questa prima parte di stagione sia stata la migliore per me in F1 sino ad ora.

“Credo che il modo in cui ho lavorato e in cui ho lavorato con il team in termini ad esempio di qualifica o preparazione di gara, sia stato il migliore fatto in F1. Non c’è ragione per me di cambiare questo approccio. Proverò a migliorare dagli errori, ma sono decisamente soddisfatto delle mie prestazioni in questa prima parte.

“Non farò cambiamenti significativi, cercheremo di lavorare come team nel mettere tutto insieme nel fine settimana per le 9 gare rimanenti e vediamo dove finiremo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Pausa estiva in F1: cos'è e a che cosa serve

Sab Ago 6 , 2022
TweetSharePin La F1 è ora in vacanza per la pausa estiva dopo il Gp d’Ungheria del 2022, ma che cos’è e a che cosa serve. Dopo tredici gare compiute su 22 in questo 2022, tutta la F1 va in vacanza ed entra ufficialmente nella pausa estiva. Ma di cosa si […]
Pausa estiva in F1: cos'è e a che cosa serve