La Pagani Huayra Tricolore:tutte le caratteristiche.

Giuseppe Demasi

 In occasione del 60° anniversario delle Frecce Tricolori, Pagani Automobili è lieta di presentare la Pagani Huayra Tricolore, creata in soli tre esemplari e dedicata alla Pattuglia Acrobatica dell’Aeronautica Militare Italiana.
Il 313° Gruppo di Addestramento Acrobatico – questa la denominazione ufficiale del Reparto dell’Aeronautica Militare nato il 1 marzo 1961 presso la base militare di Rivolto – meglio conosciuto come Pattuglia Acrobatica Nazionale (P.A.N.) o Frecce Tricolori, è erede di una tradizione di acrobazia collettiva tutta italiana che affonda le sue radici nei lontani anni Venti.

Con i loro dieci aerei Aermacchi MB-339A P.A.N., di cui nove in formazione e uno solista, le Frecce Tricolori sono la pattuglia acrobatica tra le più famose al mondo, capace di ammaliare da oltre mezzo secolo una platea internazionale di spettatori attraverso le loro impareggiabili acrobazie aeree, dando prova di una destrezza e di un’abilità di cui solo i migliori piloti sono capaci. Il volo di questi dieci velivoli rappresenta infatti una sintesi di perfezione, rigore ed altissima professionalità, quintessenza dell’unione di gruppo ma anche del senso della bellezza. Con un’unica missione: portare in cielo il tricolore della bandiera italiana.
Nel 2010 Pagani ha voluto rendere omaggio ai 50 anni di questa eccellenza con la presentazione di Zonda Tricolore, una hypercar realizzata in soli tre esemplari, oggi tra i più esclusivi e ricercati modelli di Zonda in circolazione. Nel 2020 le Frecce Tricolori giungono al loro 60° anniversario e Pagani si appresta a celebrare questo rinnovato traguardo aggiungendo un altro tassello ad un mosaico fatto di passione, tradizione e spirito di collaborazione. Creata in edizione ultra limitata, Huayra Tricolore evoca le linee inconfondibili dei jet Aermacchi della pattuglia aerea ed unisce in ogni dettaglio scienza aeronautica ed eleganza formale, evolvendo ancora una volta il concetto di vettura ad alte prestazioni.

L’ispirazione: l’Aermacchi MB-339A P.A.N.

Saper volare in gruppo richiede grandi abilità da parte dei piloti, ma soprattutto estrema disciplina e un lungo addestramento. Ancor più di questo, esso implica la capacità di fare squadra in modo eccellente. Nel corso della storia l’acrobazia aerea, dalle iniziali pratiche di addestramento, ha assunto anche il ruolo di dimostrazione delle capacità dei piloti e dei velivoli, delle conoscenze tecnologiche e delle abilità degli uomini che ideavano nuove figure in volo. Lavorare bene ad altissimo livello è oggi l’intima essenza del gruppo acrobatico dell’Aeronautica Militare, la cui squadriglia vola su aerei a reazione capaci di una velocità di 898 km/h sul livello del mare ed in grado di compiere le manovre più estreme del repertorio acrobatico delle Frecce Tricolori, grazie alla loro geniale progettazione. In alcune figure a bassissima velocità, infatti, l’aerodinamica evoluta del MB-339A permette al potente velivolo di non andare mai in arresto ed al suo motore di collaborare anche nelle manovre più complesse e rischiose.

Creare una macchina sicura ed affidabile in ogni condizione è uno degli obiettivi chiave dell’ideazione e dello sviluppo di ogni progetto Pagani e l’estro progettuale di un velivolo come l’MB-339A della P.A.N. ha rappresentato, da questo punto di vista – e non solo – una fonte di ispirazione enorme per la messa a punto di Huayra Tricolore.

A partire da una nuova scocca in materiali compositi avanzati, appositamente progettata e sviluppata per raggiungere nuovi traguardi in termini di leggerezza e performance, fino alla messa a punto di una nuova, più aggiornata versione del potente Pagani V12 e all’applicazione di tecnologie, materiali e processi produttivi di derivazione aeronautica: Huayra Tricolore echeggia in ogni suo aspetto e nel dettaglio più minuto il design inconfondibile degli aerei delle Frecce e ne riprende i concetti di stile, in omaggio al gruppo di volo acrobatico che da 60 anni colora col tricolore i cieli di tutto il mondo.

Limitata a tre soli esemplari

Ancora una volta tre creazioni uniche, un’edizione ultra limitata per catturare un altro irripetibile momento nel tempo. In omaggio alle Frecce Tricolori ed ai loro 60 anni di storia, ognuno dei tre esemplari di Huayra Tricolore riporta l’iconica numerazione che definisce i tre principali leader della formazione, generalmente composta da dieci velivoli:

Numero 0 – Il Comandante : E’ l’undicesimo membro della pattuglia e dirige il display da terra, nonché tutte le fasi della pianificazione delle missioni e dell’addestramento;

Numero 1 – Il Capo Formazione : Guida la pattuglia durante tutte le manovre acrobatiche. Tramite i suoi comandi viene determinato il ritmo di volo;

Numero 10 – Il Solista : Si separa dal gruppo nelle sequenze più spettacolari. Ha il compito di mostrare in volo le elevate prestazioni del velivolo, rispettando i tempi di inserimento tra le figure della formazione.

Caratteristiche tecniche

MOTORE: Pagani V12 60° 36 valvole 5980 cc bi-turbo, sviluppato specificamente per Pagani da Mercedes AMG
POTENZA: 618 kW (840 CV) a 5900 giri/min
COPPIA: 1100 Nm da 2000 a 5600 giri/min
TRASMISSIONE: Trazione posteriore
CAMBIO: Xtrac AMT trasversale a 7 rapporti con differenziale elettromeccanico
FRENI: Brembo 4 dischi ventilati carbo-ceramici: Anteriori 398×36 mm con pinze monolitiche a 6 pistoni; Posteriori 380×34 mm con pinze monolitiche a 4 pistoni
CERCHI: APP forgiati in lega di alluminio monolitica: Anteriori 20 pollici; Posteriori 21 pollici
PNEUMATICI: Pirelli P Zero Trofeo R: Anteriori 265/30 R20; Posteriori 355/25 R21
SOSPENSIONI: Doppi bracci a triangolo indipendenti forgiati in lega di alluminio, molle elicoidali e ammortizzatori controllati elettronicamente
TELAIO: Monoscocca in Pagani Carbo-Titanium HP62 G2 e Carbo-Triax HP62 con telaietto tubolare anteriore e posteriore in acciaio
PESO A SECCO: 1270 kg


	

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Babbo Natale vola con la sua slitta da 550CV, firmata Bentley.

Babbo Natale ha lavorato con Bentley per trasformare la sua […]