La differenza tra Blistering e Graining in F1

Blistering Graining F1
Crediti foto: Scuderia Ferrari

Spesso in F1 sentiamo pronunciare termini come Blistering e Graining, ma sapete cosa significano e qual’è la differenza tra i due? Se la risposta è no, oggi sono qui per spiegarvelo.

Graining

Il graining è un fenomeno che si presenta sulla superficie degli pneumatici, il battistrada. Su quest’ultimo iniziano a crearsi delle piccole abrasioni che si mostrano come piccole macchioline scure. Una volta che inizia il fenomeno del graining difficilmente si può fermare e solitamente si va ai box a cambiare gomme.

Cosa causa il graining?

Solitamente si manifesta quando la monoposto ha poca aderenza alla pista, quindi può avvenire è sporca o poco gommata o se le gomme non sono a temperatura.

Come prevenirlo?

Innanzitutto un giusto setup è fondamentale, perché se la monoposto non è ben attaccata alla pista, la gomma tende a scivolare sull’asfalto e abrasarsi e quindi provocare il graining, e dopo cercare di mantenere le gomme alla giusta temperatura perché anche qui se la gomma è troppo fredda o troppo calda, non aderisce bene all’asfalto e quindi ecco che compare il fenomeno.

LEGGI ANCHE: Cosa si intende per Overcut e undercut in F1

Blistering

Dalla parola inglese “blister” che in italiano significa “vescica”, il Blistering sono letterlamente delle vesciche che si creano sulla gomma. Quando le temperature sono troppo elevate iniziano a crearsi delle bolle d’aria tra la carcassa e il battistrada e con il passare del tempo queste bolle escono dallo pneumatico strappando una piccola porzione del battistrada e creando quindi, dei veri e propri buchi sulla gomma. Se una monoposto ha blistering in gara, lo si può notare perchè si mostra come una riga più scura sul dorso dello pneumatico. Questo fenomeno, nei casi estremi, può portare allo scoppio della gomma.

Cosa causa il blistering?

Anche qui, questo è un fenomeno che avviene se l’assetto della monoposto non è quello giusto, quindi se la monoposto non aderisce bene all’asfalto, o se la guida del pilota è troppo “aggressiva” o ancora se le temperature dell’asfalto sono troppo elevate e la vettura ha un assetto aggressivo.

Come prevenirlo?

Il Blistering non dipende dalla gomma bensì dalla vettura e una volta che compare, non va via ovviamente, ma è un fenomeno che non sempre da problemi alle prestazioni della vettura, infatti una monoposto può avere blistering ma avere buone prestazioni basta cercare di limitarlo magari passando da una guida aggressiva a una più morbida del pilota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Nuova Ferrari 296 GT3: vettura GT pronta a vincere

Ven Lug 29 , 2022
TweetSharePin Ferrari presenta la nuova 296 GT3, questa vettura sarà il futuro della Rossa nelle competizioni gran turismo (GT). Ferrari ha concepito la 296 GT3 attorno alle esigenze dei team, dei piloti professionisti e dei gentleman driver. La 296 GT3 raccoglie i valori della “gemella” stradale (296 GTB), arricchendone la […]

Motor Racing League plugin by Ian Haycox