Lotus Eletre, scopriamo tutti i segreti con l’ingegnere.

Lotus Eletre, scopriamo tutti i segreti con l'ingegnere.
Crediti foto: Automotore.it

Durante la presentazione italiana della Lotus Eletre, noi di Automotore.it abbiamo avuto l’occasione di parlare con l’ingegnere Serino Angellotti, quindi ecco tutti i segreti.

Per chi non lo sapesse, l’ingegnere Serino Angellotti ha oltre 20 anni di esperienza nel settore dell’ingegneria automobilistica. Con Lotus si è focalizzato con l’infotainment e ADAS nel suo ufficio in Germania.

Ha lavorato su tutte e tre l’auto?

“Io ho lavorato principalmente sull’Eletre. Il team che ha lavorato maggiormente sulle sport car è stato il team inglese, mentre l’Eletre che è un prodotto estremamente complesso dal punto di vista tecnico abbiamo fatto un investimento creando anche un centro tecnico in Germania, nel quale io lavoro, perciò io mi sono focalizzato essenzialmente sull’Eletre.”

Avete cambiato idea nel corso della costruzione?

“Questo progetto è anche un’esplorazione e per arrivare ad oggi a offrire comunque la soluzione più avanzata del momento, alcune soluzioni quattro anni fa (l’inizio del progetto Eletre n.d.r) o erano troppo rischiose oppure non disponibili, quindi abbiamo fatto cambi di progetto importanti in corso d’opera, uno riguarda proprio l’area che seguo io, quindi la parte del infotainment. Non c’è nessun altra macchina sul mercato che ha una potenza di calcolo sia nella parte di infotainment che sulla parte di ADAS come la nostra. Sono stati due cambiamenti importanti di impostazione per offrire ai clienti una soluzione che rimarrà la migliore prestazione per molti anni. I concorrenti ci metteranno un bel po’ per arrivare dove siamo.”

LEGGI ANCHE: Lotus Limitless Tour, tutte le FOTO dell’evento – Eletre, Evija ed Emira

Cosa vi aspettate dal mercato?

“Almeno sulla carta il mercato sta rispondendo alla grande. Da quelli che sono i segnali, sono molto molto incoraggianti.”

In che segmento si piazza l’Eletre?

“L’Eletre si colloca in competizione con Porsche, nella versione elettrica della Cayenne. Poi il prossimo anno arriverà anche la Sedan, per cui avremo anche quella fetta di segmento, diciamo che il mercato è quello Premium Luxury, quindi da un punto di vista prestazionale la Urus, anche proporzionalmente è la vettura che gli assomiglia di più, però questa è di un altro pianeta.”

Questa l’intervista all’ingegnere che ci ha parlato di tutti i segreti della nuova vettura Lotus Eletre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Qualifica, Gp Aragon 2022: Super Pole di Bagnaia, secondo Miller. Bastianini 3°.

Sab Set 17 , 2022
TweetSharePin Qualifica, Gp Aragon 2022: Pecco Bagnaia conquista un’altra Pole Position, scatterà in prima posizione, nella stessa fila anche Jack Miller e Bastianini. Al secondo tentativo Francesco Bagnaia ha fatto la differenza stabilendo il miglior tempo in 1:46.069, nessuno come lui. Seconda posizione per il suo compagno di squadra Jack […]
Qualifica, Gp Aragon 2022: Super Pole di Bagnaia, secondo Miller. Bastianini 3°.