FIA non vende la F1: Cauti riguardo ai prezzi gonfiati

FIA non vende la F1

FIA non vende la F1: Con un tweet il Presidente della FIA ha imposto la cautela per le proposte di acquisto di questo sport.

Bloomberg ha riportato un certo interesse all’acquisto della gestione commerciale della F1 da parte del fondo sovrano dell’Arabia Saudita. Il prezzo offerto è di 20 miliardi di euro, una somma enorme rispetto a quello che Liberty Media aveva proposto 6 anni fa, infatti avevano versato 4,4 miliardi di euro.

Questa proposta ha fatto storcere il naso a molte persone e anche al Presidente della FIA, Mohammed Ben Sulayem, che ha deciso di mettere la parola cauta rispetto a qualsiasi offerta.

LEGGI ANCHE: F1 e Helmet Camera – accordo con un’azienda italiana

“In qualità di custode del motorsport, la FIA, in quanto organizzazione senza scopo di lucro, è cauta riguardo ai presunti prezzi gonfiati di $ 20 miliardi imposti alla F1”, scrive il Presidente della FIA su twitter.

“Si consiglia a qualsiasi potenziale acquirente di applicare il buon senso, considerare il bene superiore dello sport e presentare un piano chiaro e sostenibile, non solo un sacco di soldi.

“È nostro dovere considerare quale sarà l’impatto futuro per i promotori in termini di aumento delle tariffe di hosting e altri costi commerciali e qualsiasi impatto negativo che potrebbe avere sui fan”, conclude così Mohammed Ben Sulayem.

FIA non vende la F1: Cauti riguardo ai prezzi gonfiati
UNISCITI AL GRUPPO TELEGRAM DI AUTOMOTORE.IT

SEGUICI ANCHE SU INSTAGRAM

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Next Post

Gp Brasile 2022, classifiche mondiali: ripercorriamo la stagione

Mar Gen 24 , 2023
Gp Brasile 2022: George Russell ha ottenuto la sua prima vittoria in F1 davanti al suo compagno di squadra che completa la doppietta Mercedes. Terzo Carlos Sainz della Ferrari. In partenza si è visto subito un’incidente tra Ricciardo e Magnussen che ha portato ad una Safety Car. Alla ripartenza Max […]
Gp Brasile 2022, classifiche mondiali: ripercorriamo la stagione

Ti può interessare anche...