Red Bull attacca, Ferrari e Lewis nella “lista dei cattivi”.

Poche ore prima di natale, la Red Bull ha deciso di postare sui social la loro “lista dei buoni e quella dei cattivi” da mandare a Babbo Natale, ricordando alcuni momenti della stagione 2020 di Formula 1.

La Red Bull ha avuto un’idea simpatica ed ha creato una lista dei buoni ed una dei cattivi con i personaggi della Formula 1, sottolineando anche i motivi della sua scelta.

La squadra austriaca è stata una di quelle che si sono opposte alla famosa “Mercedes Rosa” della Racing Point e l’ha ricordata nella sua lista dei “cattivi”, anche senza nominare direttamente la squadra di Lawrence Stroll e riferendosi ad essa chiamandola “Tracing Point-Copy Copy”.

Inoltre, nella sua lista nera ha messo anche Toto Wolff con l’indicazione “vedi sopra”, in riferimento al presunto accordo con la Racing Point.

Neanche Lewis Hamilton è stato risparmiato e si sono ricordati dell’incidente che ha avuto con Alex Albon in occasione del Gran Premio d’Austria.

Poi c’è la Ferrari, accanto alla quale compare solo la scritta “Per——— Seb”. Il verbo facilmente intuibile è licenziare o non rinnovare, ma è coperto da un dito di Babbo Natale.

Tra i bravi ragazzi c’è Max Verstappen per la vittoria nel Gran Premio 70° Anniversario a Silverstone, il primo podio di Alex Albon, Lewis Hamilton per il suo settimo titolo e Pierre Gasly per la vittoria a Monza.

A loro si aggiungono il dottor Ian Roberts ed Alan van der Merwe per la loro rapida reazione all’incidente di Romain Grosjean nel Gran Premio del Bahrain, nel quale hanno aiutato il pilota francese ad uscire dall’incendio della sua Haas.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Le 10 Ferrari più costose al mondo. Classifica 2020.

Dom Dic 27 , 2020
TweetSharePinQuali sono le Ferrari più costose al mondo? Se ti piacciono le tue auto sportive e adori la Ferrari, allora questa lista fa per te. Troverai di tutto, da una Testa Rossa del 1958 a una GTO del 1963 del valore di 57,9 milioni di euro! Quindi, partiamo subito. 1963 […]