DRS F1, cos’è e come funziona.

DRS F1
Crediti foto: Alfa Romeo Racing

Sentiamo spesso chiacchierare del DRS, ormai entrato nel vocabolario di F1 nel 2011 dove fu introdotto con lo scopo di facilitare i sorpassi.

DRS, Drag Reduction System, è un sistema introdotto in Formula 1 nel 2011 a causa dei pochi sorpassi ed è volto per ridurre la resistenza aerodinamica delle monoposto e favorire gli attacchi e battaglie tra vetture.

Il DRS in F1 è un flap regolabile posto sull’ala posteriore che se aperto consente di ridurre la deportanza, aumentando significativamente la velocità e, di conseguenza, le possibilità di sorpasso sull’auto davanti. Quando è chiuso, viceversa, garantisce una maggiore aderenza, utile nelle curve medio-lente.

LEGGI ANCHE: Ferrari F1-75 2022 scheda tecnica – motore, peso e ERS.

Regole

Il DRS è attivato automaticamente al terzo giro dopo la partenza e sempre gli stessi giri dopo le interruzioni di gara, che possono essere Safety Car e bandiera rossa. È automaticamente disattivato quando il pilota frena oppure può essere disabilitato manualmente. Inoltre, il DRS non è immediatamente disponibile in caso di pista bagnata, in caso di bandiere gialle nelle “DRS zones” e se il pilota sta utilizzando pneumatici da bagnato estremo full wet. Infine, può essere sospeso anche in caso di una qualunque altra ragione che, secondo la direzione gara, può rendere il DRS pericoloso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Quanto costa mantenere una Volkswagen Taigo?

Ven Apr 29 , 2022
TweetSharePin Quanto costa mantenere una Volkswagen Taigo? Oggi risponderemo a questa domanda. Andremo ad analizzare i costi del bollo, carburante e gomme. Partiamo dal fatto che una Volkswagen parte da 23.150 euro. La versione che analizzeremo è la Life, da 110 CV. Ma adesso, senza dilungarci troppo andiamo a vedere […]