Auto a idrogeno: come funzionano

Nel mondo dell’auto molte case stanno iniziando ad andare sempre più sul green, partendo dalla auto ibride a quelle a idrogeno.

Queste vetture sono di fatto delle vetture elettriche, in quanto sono dotate di un motore elettrico ma non richiedono la ricarica delle batterie. L’energia per il funzionamento del propulsore, infatti, è autoprodotta all’interno delle celle a combustibile, sfruttando un processo chimico chiamato elettrolisi inversa.

La reazione avviene con l’idrogeno stoccato all’interno del veicolo in un apposito serbatoio e l’ossigeno, quest’ultimo prelevato direttamente dall’aria all’esterno.

LEGGI ANCHE: Quanto costa mantenere un’Audi RS4?

Una volta terminato il gas a bordo bisogna fare rifornimento, rivolgendosi presso apposite stazioni attrezzate per il riempimento del serbatoio. Questa operazione richiede non più di 10 minuti di attesa.

Un’azienda che ha venduto meno di 20 auto a idrogeno nel 2021 è la Toyota, la quale mette a disposizione degli utenti la Mirai, una berlina a idrogeno con motore a celle a combustibile con prezzo a partire da circa 56 mila euro.

Un problema vero, però, è che ci sono pochissime colonnine per la ricarica di queste auto, ma si spera che si possano avere alimentatori in tutte le città.

Queste le colonnine a idrogeno in Italia:

CITTÀPROVINCIA
BolzanoTrentino – Alto Adigio
MilanoLombardia
MantovaLombardia
CollesalvettiToscana
RomaLazio
Capo d’OrlandoSicilia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

F1: Nel 2022 si rischia una situazione simile alla Brawn GP del 2009?

Sab Gen 22 , 2022
TweetSharePin Il 2022 sarà una rivoluzione per la F1 con monoposto nettamente più diversificate rispetto agli altri anni. Ma con questi regolamenti si rischia una situazione simile al caso Brawn GP nel 2009? La Brawn GP fu fondata il 6 marzo 2009, sostituendo la Honda Racing F1 Team. In occasione del Gran Premio del […]