Quanto costa mantenere un’Alfa Romeo Giulia?

Quanto costa mantenere un’Alfa Romeo Giulia? Oggi risponderemo a questa domanda. Andremo ad analizzare i costi del bollo, carburante e gomme.

Partiamo dal fatto che un’Alfa Romeo Giulia costa 48.000 euro. Ma adesso, senza dilungarci troppo andiamo a vedere tutti i costi di mantenimento.

BOLLO

Partiamo dal bollo. Il bollo per chi non lo sapesse è una tassa automobilistica regionale, il cui versamento spetta a tutti i possessori di un’auto indicati dal Pubblico Registro Automobilistico. Il bollo deve perciò essere pagato annualmente da chi risulta proprietario di una o più automobile.

La versione in questione è quella da 200 CV a benzina. Il prezzo del bollo di un’Alfa Romeo Giulia è di circa 455 euro all’anno, poi ovviamente può cambiare da regione a regione.

GOMME

I prezzi delle gomme si diversificano da marca a marca. Noi abbiamo preso in considerazione le gomme Pirelli CINTURATO P7 estive. Il costo a gomma è di 298 euro, quindi per 4 gomme il prezzo è di € 992 euro.

CARBURANTE

L’Alfa Romeo Giulia consuma all’incirca 7 litri per ogni 100 Km, pensando che in un anno si fanno circa 10.000 Km e il prezzo per ogni litro di benzina si aggira intorno al 1.50 euro si va a spendere 1.050 euro l’anno.

LEGGI ANCHE: Quanto costa mantenere un’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio?

CONCLUSIONI

In quest’analisi non abbiamo contato l’assicurazione, poiché è difficile calcolarla se non si hanno alcuni dati, quindi bisogna aggiungere anche questo costo. Poi, i prezzi che avete visto sono da prendere con le pinze, essendo che possono cambiare da versione a versione e da altri elementi che non sto qui a spiegarvi. Comunque, quanto costa mantenere un’Alfa Romeo Giulia? Bhe sommando tutto, all’anno si va a spendere 2.497 euro circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Next Post

Ferrari rivoluzione interna, nuova struttura organizzativa.

Lun Gen 10 , 2022
TweetSharePinFerrari ha avuta una rivoluzione interna, grazie alla presentazione di una nuova struttura organizzativa per rimanere fedeli al proprio DNA sportivo e focalizzarsi sulla carbon neutrality entro il 2030. “Vogliamo spingere più avanti i confini in tutte le aree, utilizzando la tecnologia in una modalità unica e propria di Ferrari” […]