Formula 1

Gestire due piloti stellari, entrambi in grado di vincere gare, non è mai un compito facile - come ha detto il team principal Ferrari Mattia Binotto in questa stagione. Ma Binotto crede che la rivalità di Sebastian Vettel e Charles Leclerc non si ribellerà, nonostante i loro "disaccordi" in questa stagione.

Entrambi i piloti hanno espresso il loro evidente dispiacere per l'altro nelle ultime gare, Vettel quando il suo compagno di squadra più giovane non è riuscito a restituire il favore di fornire la scia nelle qualifiche di Monza, e Leclerc quando sentì che il quattro volte campione aveva ignorato gli ordini di squadra in seguito alla gara iniziare in Russia.

Con quattro round della stagione del 2019 rimasti, Leclerc ha un vantaggio di nove punti su Vettel nella lotta per un probabile terzo posto in classifica. Con molto onore in gioco, la Ferrari potrebbe ancora perdere il controllo dei propri piloti?

"No, non credo che vi sia il rischio di perdere il controllo perché c'è una differenza tra non gestire i piloti e almeno avere l'intenzione di gestirli", ha detto Binotto

“Esiste sempre una soluzione che non li gestisce - forse qualcuno potrebbe farlo. Penso che la nostra intenzione sia quella di provare a gestire la situazione a beneficio del team e in secondo luogo a beneficio, nel complesso, anche dei piloti.

"Potremmo fare alcune cose che possono essere affrontate o migliorate e penso che sia ciò che stiamo costruendo e cercando di fare per il futuro."

Binotto su Vettel e Leclerc
Binotto non fa mistero del fatto che ha discusso della situazione con i suoi piloti, descrivendo i colloqui come "positivi, costruttivi, onesti, equi e trasparenti", ma si è rifiutato di escludere le future tensioni tra i due, un problema che ha suggerito è stato per molti versi bello da avere.

"Penso a quello che è successo a Sochi ... niente di veramente brutto, ma sicuramente qualcosa che deve essere migliorato e affrontato e penso che sia solo un'opportunità di apprendere le lezioni di quest'anno e che cerchi di fare meglio in futuro. Ma quanto sono sicuro che non accadrà [di nuovo], non lo sono affatto.

"Penso che questi siano entrambi ottimi piloti. Stanno tutti cercando un unico obiettivo,cioè vincere, ma penso che ciò che è ancora più importante sia che almeno tra noi abbiamo chiarezza ed equità e penso che questa sia la chiave.

"Penso che entrambi stiano andando molto bene e, come ho detto spesso in questa stagione, è in qualche modo un lusso per un team principal in questa situazione!"

La domanda ora è se Binotto e Ferrari avranno il lusso di vincere una gara in Messico questo fine settimana dopo la delusione del Giappone, dove dopo un blocco in prima fila la loro gara si è svelata, consentendo ai rivali della Mercedes di segnare un altro 1-2 e con la loro sesta corona di costruttori consecutivi.
Contattaci