Formula 1

Il campionato di Formula 1 dovrebbe sbarcare a Miami nel 2021. Da tempo si parla di questa possibilità e dalle ultime notizie emerge tutto,si sta facendo più concreto. Non si tratta più solo di un'idea.

Tom Garfinkel, vice presidente e amministratore delegato dei Miami Dolphins, e Sean Bratches, managing director delle operazioni commerciali della F1, in un comunicato ufficiale congiunto hanno annunciato un accordo preliminare per disputare la corsa nelle vicinanze dell'Hard Rock Stadium.

Affinché l'obiettivo di correre in Florida diventi realtà, serve riuscire a convincere la Commissione della Contea di Miami-Dade. I cittadini finora si sono mostrati contrari, pertanto Liberty Media (proprietaria dei diritti commerciali della Formula 1) e i promotori del GP devono ancora superare degli ostacoli non di poco conto.

Formula 1, Gran Premio di Miami in calendario dal 2021

Nella nota ufficiale congiunta diramata da Garfinkel e Bratches emergono alcuni dati interessanti riguardanti lo svolgimento di una gara nella celebre metropoli della Florida.

"Con un impatto finanziario stimato in oltre 400 milioni di dollari e 35.000 camere prenotate per seguire l'evento, il Formula One Miami Grand Prix rappresenterà un grande passo avanti dal punto di vista economico per tutto il sud della Florida. Siamo grati ai nostri fan e all'industria del turismo locale per la loro pazienza e il supporto datoci nel corso di questo processo. Non vediamo l'ora di portare il più grande spettacolo racing del pianeta per la prima volta in una delle regioni più iconiche del mondo."

L'intenzione è quella di disputare il GP nel mese di maggio. Si tratterebbe del secondo appuntamento negli Stati Uniti, visto che il campionato di F1 corre già ad Austin (Texas) in autunno. La Commissione della Contea di Miami-Dade dovrà dare il proprio via libera al progetto. Finora è stato manifestato abbastanza scetticismo, si teme l'elevato inquinamento ambientale e acustico. Gli organizzatori sostengono che la gara si svolgerà per la maggior parte sulla proprietà dello stadio, non in prossimità delle case. Solo una porzione del circuito ricadrebbe sulla viabilità pubblica. Non rimane che attendere la decisione, che potrebbe arrivare già entro fine ottobre.


Contattaci