Formula 1

Verstappen che ha chiuso la prima sessione di prove libere con il miglior tempo in 1:34.057. Ferrari al secondo posto con Sebastian Vettel in 1:34.226. Albon terzo, Leclerc settimo e un tempo cancellato. Indietro le Mercedes che però si sono dedicate soprattutto al lavoro con le gomme prototipo del 2020.

In una giornata inizialmente fredda, con una temperatura passata dai 9 ai 12°, si è aperto il weekend del GP degli USA che, salvo sorprese, dovrebbe consegnare il sesto titolo in carriera a Lewis Hamilton. Ma per la festa c’è tempo, perché la pista ha ancora tanto da dire. A cominciare dalla Red Bull di Max Verstappen che ha chiuso la prima sessione di prove libere con il miglior tempo in 1:34.057. Ferrari al secondo posto con Sebastian Vettel in 1:34.226 (gomma rossa). Alle sue spalle l’altra Red Bull di Alexander Albon (a 1 secondo dal tedesco). 

Quanto alla Mercedes, il team campione del mondo si è concentrato molto sul lavoro del 2020, con una sessione sfruttata come un vero test. Le due W10 di Hamilton e Valtteri Bottas hanno cominciato a girare con le gomme prototipo per il la prossima stagione (così come Albon) e poi montate anche sulla macchina di Vettel. Il britannico ha archiviato le FP1 all'ottavo posto, mentre il finlandese, con gomma rossa nel finale, al diciassettesimo. Il pneumatico prototipo, stando ai commenti dei piloti, non piace perché “sovrasterzante” e con meno grip nel posteriore. Completano la top ten delle FP1 Gasly, Ricciardo, Grosjean, Leclerc, Hamilton, Stroll e Magnussen. Da ricordare i tempi cancellati a Lelcerc, quindi Hamilton e Magnussen per aver i tack limits alla curva 19

Contattaci