Formula 1

Finora senza vittorie nel 2019, e ora sotto la crescente pressione della Red Bull per il secondo posto nella classifica dei costruttori, la Ferrari spera disperatamente di poter invertire la tendenza in Belgio e in Italia - due luoghi sensibili al potere che dovrebbero giocare in rettilineo - punti di forza della linea SF90.

Nelle curve più lente, la Ferrari ha un deficit rispetto ai leader Mercedes e al costruttore Red Bull del terzo posto, il che significa che piste come Hungaroring e Monaco non sono adatte alle auto di Charles Leclerc e Sebastian Vettel.

L'analisi di Monaco ha mostrato che la Ferrari era a circa 0,8 dalla Mercedes in termini di ritmo di gara, con la SF90 leader di Sebastian Vettel di un minuto in meno sul vincitore della gara Lewis Hamilton in Ungheria, dando un'idea approssimativa di quanto lontano la Ferrari possa cadere a bassa velocità , circuiti ad alta deportanza.

I seguenti Gran Premi, tuttavia, dovrebbero adattarsi all'SF90 mentre si svolgono a velocità elevata su Francorchamps e Monza, come ha spiegato il Team Principal Mattia Binotto.

Cerchi sempre un proiettile d'argento, ma non mi sono mai imbattuto in un tizio che lo ha effettivamente trovato in oltre 10 anni.

Sebastian Vettel

"Penso che [Spa e Monza] siano più sensibili alla potenza, quindi dovremmo sicuramente avere più [successo] lì, ma non c'è nulla che ci viene dato. Penso che i nostri concorrenti siano tutti molto forti e cerchiamo di metterci alla prova. "Penso che la situazione sarà diversa da quella di Budapest e cercheremo di prepararci al meglio per cercare la prima vittoria", ha aggiunto Binotto, sperando in meglio dopo che Vettel e Leclerc sono arrivati ​​rispettivamente terzo e quarto al Gran Premio di Ungheria. Vettel, che è salito sul podio finale all'Hungaroring, ha concordato: "Sulla carta, Spa, Monza, dovrebbe essere un po 'meglio per noi - ma dobbiamo confermare".

Naturalmente la Ferrari sta cercando una soluzione, avendo apportato aggiornamenti per l'Ungheria, ma non è una soluzione rapida, come ha spiegato Vettel.



“Sappiamo che negli angoli in cui lottiamo e la natura delle piste, hanno degli angoli. Quindi vorremmo costruire un'auto più veloce negli angoli. Stiamo provando tutto il possibile, ma al momento non è abbastanza. "Penso che tutti lo sappiano, tutti hanno visto e tutti capiscono, ma non è facile trovare soluzioni magiche. Cerchi sempre un proiettile d'argento, ma non mi sono mai imbattuto in un tizio che lo ha effettivamente trovato in oltre 10 anni. Continuiamo a cercare, anche se quello è dove siamo ".

Non c'è alcuna garanzia che la Ferrari vincerà a Spa e la sua pista di casa, Monza, ovviamente. Quest'anno, Leclerc ha mancato di poco la vittoria in Austria dopo essere stato superato da Max Verstappen in ritardo, e ha anche perso una vittoria inaugurale in Bahrain con problemi di affidabilità. E anche Vettel è stato penalizzato dalla vittoria in Canada. Sanno che non c'è nessun proiettile d'argento per catturare le Frecce d'Argento, né i Red Bull infuriati e in ripresa, ma la Ferrari ha un disperato bisogno di punti per aggrapparsi al secondo posto nella classifica dei costruttori, che è loro di 44 punti. Inoltre, una stagione senza vittorie farebbe di questo il loro terzo da quando l'era ibrida è iniziata nel 2014, e con essa sarebbe un duro colpo per il morale sia per il personale che per i piloti.