Formula 1

F1:Binotto parla della Ferrari Driver Academy e degli Esport.

di Demasi Ivan

14 Dicembre 2019

La cena di Natale andata in scena a Maranello è stata l’occasione per Mattia Binotto per fare bilanci della stagione 2019 della Ferrari Driver Academy che l’anno prossimo conterà ben cinque esponenti in F2  e del progetto eSports che ha visto David Tonizza vincere il campionato appena concluso.


Binotto parte a parlare della F2 della FDA.“Credo che questa sia stata una stagione complessivamente buona, a partire della Formula 2. È stato il primo anno di Mick in Formula 2. I piloti migliori quest’anno sono tutti quelli che avevano almeno un anno di esperienza in quella categoria e Mick è stato invece tra i migliori rookies di quest’anno. Quindi credo che da parte sua abbia fatto un primo anno positivo e l’anno prossimo sarà un anno fondamentale per lui, dove con un anno di esperienza alle spalle dovrà dimostrare un salto di qualità in termini di prestazioni.”

2002 Ferrari F2002  2019 Courtesy of RM Sothebys_9jpg

F3.“Invece credo che notizie super positive siano arrivate dalla F3, che è stata la categoria più difficile quest’anno, con trenta macchine in partenza, pochissimo tempo per le prove libere e quant’altro. I nostri due piloti hanno finito la stagione primo e secondo, con Shwartzman e Armstrong. Entrambi, tra l’altro, faranno il salto in F2 l’anno prossimo.”

Risultati immagini per robert schwartzman f3

Altri piloti FDA in F1 nel 2021. “Dal gruppo di Formula 2 si spera che qualcuno sia in grado di compiere il salto definitivo nella stagione 2021 arrivando in Formula 1, maturare in un piccolo team e poi poter esprimere le sue capacità al volante della nostra vettura.”

Risultati immagini per David tonizza

Il 2019 negli eSports. “In Esports è stato il nostro primo anno di partecipazione, forse in modo un po’ fortunato o meno, però alla prima partecipazione abbiamo vinto il campionato con David Tonizza. Perché partecipiamo? Perché pensiamo che sia un progetto anche questo indispensabile, guardando alle nuove generazioni. Il programma di Esports si inserisce all’interno del nostro progetto FDA, perché è Ferrari Driver Academy Esports, anche per le sinergie che ci possono essere su giovani piloti, coinvolgendo le giovani generazioni a cavallo tra pista e sim driving. Come Ferrari non possiamo sottovalutare questo fenomeno. Per questo abbiamo deciso di interessarcene, e siamo partiti col piede giusto. Anche questa penso sia una nota positiva, tutto sommato, come risultato di quest’anno.”

Tag

Contattaci