News

Alfa Romeo Giulia GTA:la Super Berlina con prestazioni al Top.Tutte le caratteristiche.

di Demasi Ivan

2 Marzo 2020

Dopo oltre 15 anni d’assenza, la Casa del Biscione riporta in vita la storica sigla, acronimo di Gran Turismo Alleggerita. Al Salone di Ginevra “digitalizzato”.

L'Alfa Romeo ha infatti svelato la variante più estrema della Giulia, che sarà disponibile in una tiratura limitata di 500 esemplari nelle varianti GTA e GTAm. I prezzi non sono stati ancora comunicati, ma le prenotazioni sono già aperte per entrambe le versioni.

Pronta per la pista, omologata per la strada. La quattro porte ad alte prestazioni avrà una versione pensata per l’utilizzo in pista ma omologata anche per la guida su strada, la GTAm: la variante più spinta dell’attuale gamma del Biscione, oltre al frontale specifico con splitter attivo e all’ala posteriore di fibra di carbonio, è caratterizzata da diverse soluzioni derivate dal mondo delle competizioni.
La Giulia GTAm è caratterizzata dalla presenza di due soli sedili: il divano posteriore è stato sostituito da un roll bar, sotto il quale sono stati ricavati degli alloggiamenti per due caschi e un estintore. Per contenere al massimo il peso, sono stati rimossi anche i pannelli porta e le maniglie interne per l’apertura degli sportelli sono state sostituite con dei nastri.

Tetto, cofano motore, passaruota, estrattore posteriore e paraurti sono di fibra di carbonio, così come gli inserti degli interni e l’albero motore. Altri componenti sono realizzati con diversi materiali compositi, che hanno permesso di risparmiare 100 kg rispetto alla Quadrifoglio, riducendo il peso totale a 1.520 kg.
Supercar per la famiglia.

L’Alfa Romeo Giulia GTA, di contro, si contraddistingue per un’impostazione meno estrema rispetto alla GTAm: in questo caso i sedili sono quattro, la roll bar è assente e il kit aerodinamico di fibra di carbonio è ottimizzato per l’utilizzo quotidiano. Lo splitter anteriore è meno prominente e l’ala posteriore lascia spazio a uno spoiler di dimensioni ridotte. Per quanto riguarda i finestrini e il lunotto, la GTA utilizza gli stessi cristalli della Giulia Quadrifoglio, modello da cui riprende anche i fianchetti delle portiere e molti altri dettagli dell’abitacolo.

Derivata dalla Giulia Quadrifoglio, le Giulia GTA sono dotate di una versione potenziata del propulsore V6 biturbo da 2.9 litri, che su questi modello raggiunge quota 540 CV (contro i 510 CV della Quadrifoglio). Entrambe le GTA hanno avuto una cura dimagrante di 100 kg, che le consente di vantare un rapporto peso/potenza di 2,82 kg/CV, valori superiori alle dirette concorrenti. Grazie al Launch Control, è in grado di scattare da a a 100 km/h in soli 3,6 secondi.

Ogni modifica estetica è stata apportata per migliorare la guida di questa berlina dalle maxi prestazioni: la carreggiata anteriore e posteriore è stata allargata di ben 50 mm e ci sono i cerchi da 20" con il monodado, proprio come sulle vere auto da corsa. Inoltre, l'aerodinamica, frutto del know-how tecnico che arriva direttamente dalla Formula 1, è attiva: il paraurti anteriore ha prese d'aria ancora più pronunciate e al posteriore è presente un voluminoso estrattore dell'aria che incorpora i due scarichi in titanio firmati Akrapovič.

Tag

commenti sul blog forniti da Disqus