News

Mercedes su Marte,Ferrari ancora con problemi.

di Demasi Ivan

7 Agosto 2020

Lewis Hamilton continua a dominare con la Mercedes a Silverstone questo fine settimana, stabilendo il giro più veloce della seconda sessione di prove libere, davanti al suo compagno di squadra Valtteri Bottas.

Hamilton, che aveva terminato la sessione mattutina di FP1 secondo a Bottas, è stato di 0,176 secondi più veloce del finlandese,dietro invece si piazza Daniel Ricciardo con un impressionante terzo tempo, a 0,815 secondi da Hamilton.

Nella fascia bassa della classifica, troviamo Vettel che ha dovuto sottoporsi ad un'altra prova difficile,infatti alla fine della sessione la SF1000 del quattro volte campione del mondo ha smesso di funzionare.Vettel si e' fermato alla curva 9, la sua SF1000 sputava olio sulla superficie della pista, che ha innescato la virtua safety car. Prima del suo problema,Vettel era piazzato solo il 14° posizione, mentre il suo compagno di squadra Charles Leclerc è arrivato settimo, a 1,2 secondi da Hamilton.
Nico Hulkenberg ha concluso la sessione pomeridiana in P6, a poco più di due decimi dal quinto posto di Lance Stroll. La battaglia a centrocampo ha continuato ad essere molto serrata, con solo mezzo secondo che divide il sesto posto Hulkenberg e il 15 ° posto di Romain Grosjean.

Davanti alla Racing Point c'e' Max Verstappen della Red Bull, mentre il compagno di squadra Alex Albon è arrivato 11 ° alle spalle di Esteban Ocon della Renault. La Renault è stata l'unica squadra a far girare le gomme dure per lunghi periodi venerdì pomeriggio, mentre altre si sono concentrate sui long run con gomme medie e morbide, che sono uno step più morbide rispetto alle gomme utilizzate nel GP di Gran Bretagna della scorsa settimana.

Daniil Kvyat con l'AlphaTauri ha chiuso davanti al compagno di squadra Pierre Gasly rispettivamente in 12 ° e 13 °, davanti a Vettel. 

George Russell è stato ancora più veloce del suo compagno di squadra della Williams Nicholas Latifi e di entrambe le Alfa Romeo, concludendo la giornata 16 ° più veloce davanti a Kimi Raikkonen e Kevin Magnussen di Haas.

Infine Antonio Giovinazzi per l'Alfa Romeo, la cui vettura C39 si è fermata in mezzo alla pista negli ultimi minuti della sessione per quello che sembrava essere un problema al motore, che ha fatto uscire le bandiere rosse che hanno fatto concludere le FP2.
commenti sul blog forniti da Disqus