Aggiornamenti Ferrari: In Ungheria si usa la nuova evoluzione?

Aggiornamenti Ferrari
Crediti foto: Scuderia Ferrari

Aggiornamenti Ferrari. La Ferrari potrebbe utilizzare due diversi pacchetti di aggiornamenti, quello post-Imola e quello post-Barcellona, in base alle caratteristiche dei circuiti che si incontrano.

I dati comparativi raccolti a Silverstone indicano che il nuovo pacchetto di aggiornamenti, introdotto a Barcellona, mostra un netto miglioramento nelle curve a bassa velocità, ma presenta difficoltà nelle curve ad alta velocità a causa del fenomeno del bouncing.

Il pacchetto precedente, invece, è decisamente più efficace nelle curve ad alta velocità e non mostra problemi di saltellamento. Di conseguenza, questi pacchetti possono essere utilizzati in base alle caratteristiche specifiche di ciascun circuito.

LEGGI ANCHE: Toyota in F1 – Accordo con la Haas in futuro?

Ad esempio, in Ungheria, prossima tappa del mondiale, il circuito è caratterizzato da curve lente e richiede un elevato carico aerodinamico, simile a Monaco. Pertanto, il pacchetto di Barcellona potrebbe risultare più adatto.

In Belgio, invece, il circuito richiede un basso carico aerodinamico e presenta curve ad altissima velocità, come Eau Rouge, Pouhon e Blanchimont, dove il bouncing potrebbe ridurre le prestazioni del nuovo pacchetto. Di conseguenza, gli ingegneri di Maranello potrebbero decidere di utilizzare l’evoluzione di Imola.

Questo scenario assume che la Ferrari non apporti ulteriori modifiche al nuovo pacchetto; in caso contrario, potrebbero esserci delle sorprese.

Aggiornamenti Ferrari: In Ungheria si usa la nuova evoluzione?
UNISCITI AL GRUPPO TELEGRAM DI AUTOMOTORE.IT

Seguici sui social | Twitter, Instagram, Facebook, TikTok

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *